Derovere

Sindaco arrestato non risponde al Gip

Si è avvalso della facoltà di non rispondere Andrea Censi, il sindaco di Polesine Zibello, nel Parmense, accusato tra l'altro di peculato, corruzione ed abuso d'ufficio e da martedì mattina agli arresti domiciliari. L'inchiesta condotta dai Carabinieri e coordinata dalla Procura della Repubblica di Parma ha svelato un presunto uso illecito della macchina comunale con prelievo di denaro, finti bandi di concorso e delibere di giunta falsificate. Assieme a Censi sono indagate altre 11 persone, tra cui il vicesindaco, il segretario comunale e il suo vice. "Mi sento tranquillo, devo esserlo" sono le parole che Censi, prima di entrare in aula per l'interrogatorio di garanzia, ha rivolto ai giornalisti.

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie